mercoledì 16 aprile 2014

#LUSH Hennè Caffè Caffè: la mia esperienza.

Da quando sono passata ad una routine completamente eco-bio, per quanto riguarda i capelli, mi sono allontanata anche dalle tinte chimiche e l'ultima risale a Settembre scorso. Tornare al mio colore naturale, che non vedevo da anni, è stato strano, ma, in un certo senso, liberatorio. Il solo pensiero di non essere più schiava di ricrescita e ritocchi era fonte di immensa gioia, anche perché io ho sempre fatto tutto in casa e, considerando che i miei capelli sono tanti, spessi e adesso anche molto lunghi, potete immaginare le enoooormi difficoltà che ho a procedere con queste operazioni.
Dopo diversi mesi però, ovviamente, il colore si è sbiadito parecchio, facendo riemergere il rosso sulle lunghezze (ormai mi fanno i complimenti per lo shatush!), oltre ad un bel po' di capelli bianchi, motivo per cui ho cominciato a valutare la possibilità di fare l'hennè.
La mia scelta è caduta su Caffè Caffè di Lush, per diversi motivi, che vi ho già esposto QUI.

In questo post, vi parlerò della mia unica esperienza con questo prodotto e delle impressioni che mi ha lasciato.

(immagine presa dal sito ufficiale)

Per dare carattere ai capelli castani senza sconvolgere la tua tonalità né il tuo fidanzato.
Se i vostri capelli sono color "marroncino smunto" o castano chiaro e non vedono l'ora di avere un po’ di sprint o di nascondere gli invasori bianchi, Caffè Caffè è quello giusto. Il misto di henné nero e rosso tinge ma non sconvolge la tonalità di base, ed è mescolato con caffè macinato per sfruttarne la naturale azione colorante. Dona intensità e luce naturale, e se volete leggerissimi riflessi rossi vi basterà avvolgervi nel celofan durante la posa. Usatelo se avete voglia di qualcosa di diverso ma non sapete ancora bene che cosa

Ingredienti

Acquistiamo i nostri ingredienti da fornitori che non testano sugli animali
     Ingredienti Naturali      Sintetici sicuri
Naturalmente presente negli oli essenziali
Prezzo: €12,50 / 325g


Così è come si presenta il prodotto appena arrivato:




Se dalle foto, potrebbe sembrare una golosa ed enorme tavoletta di cioccolato, vi assicuro che non appena ne sentirete l'odore non solo vi ricrederete completamente, ma vi pentirete anche dell'attimo esatto in cui avete permesso che entrasse nella vostra casa.
C'è chi lo ha definito "erbaceo intenso", io lo definisco "sterco di cavallo unito a fieno umido" e per me è stato praticamente rivoltante, tanto da pensare di non utilizzarlo.
Poi, curiosità e voglia di dare un tono ai capelli hanno avuto la meglio.

Per la preparazione ho eseguito quasi alla lettera le istruzioni che ci sono sul sito:

Un impacco di bellezza ristrutturante per i capelli sempre più morbidi, luminosi e resistenti 
Il nostro henné non contiene sali metallici quindi non temete bizzarre reazioni come con le tinte chimiche, anzi il bello di questa colorazione naturale è che darà risultati sempre diversi a seconda della base di partenza. È sempre consigliabile non utilizzare contenitori ed utensili metallici a meno che non siano di acciaio inox.
PREPARAZIONESbriciolate in una ciotola resistente al calore una  quantità di henné proporzionale alla quantità di capelli da tingere. Una testa media ne richiede 3 quadretti. Aggiungete progressivamente  acqua bollente e mescolate fino ad ottenere la consistenza di una crema un po’ densa.
L’APPLICAZIONECon le mani vestite di guanti di gomma, applicate una generosa quantità di henné sui capelli asciutti. Procedete per settori, andando da dietro in avanti. Coprite prima le radici e poi le punte (vi renderà la vita molto più semplice).
L’ATTESADue ore e mezza sono assolutamente sufficienti per ottenere un colore intenso e caldo. Attenzione: il colore continua ad evolvere fino al giorno successivo.
L’HENNÉ E LA PERMANENTEL’henné può ridurre l’effetto dei prodotti per la permanente. Per cui, se avete voglia di ricci, fateveli fare prima dell’henné


Quindi, mi sono armata di pazienza e ho cominciato.

Per la mia lunghezza ho deciso di utilizzare quattro cubotti su sei, che non ho sbriciolato/grattugiato ma che ho prima scaldato in forno e poi polverizzato con un cucchiaio di legno. 
E già parte la prima imprecazione: la casa sembrerà un'immensa stalla!
Diverse review che ho letto, consigliavano di creare un composto molto liquido, della consistenza di uno yogurt, altrimenti sarebbe stato difficile distribuirlo sulla chioma. Nonostante ciò, per me è stato quasi impossibile e ho dovuto chiedere aiuto. Il pappone verde e nauseabondo continuava a solidificarsi nella coppa e ad indurirsi come cemento sulla testa, rendendo anche dolorosa l'applicazione sulle lunghezze.
Molto tempo, diverse imprecazioni in neozelandese da parte mia per il dolore, da parte di mia madre per lo schifo che avevamo combinato in bagno, e di mio padre per il puzzo di stalla che c'era in casa dopo, finalmente mi sono ritrovata con la testa incellophanata, determinata a farmi almeno tre o quattro ore di impacco. Un'agonia... Era come se mi avessero cosparso la testa di cemento a presa rapida. La sensazione era bruttissima ed il peso quasi insopportabile, tanto che negli ultimi minuti mi sono dovuta stendere. La cosa che mi ripetevo era "il risultato sarà talmente sensazionale che dimenticherò tutto questo!".
Procedere con lo shampoo è stato altrettanto difficile. Eliminare tutte le tracce di sterc... ehm, di hennè, è stata una tragedia. Non penso di aver mai consumato tanta acqua per lavarmi i capelli in vita mia. Ho dovuto fare tre lavaggi in quanto i capelli risultavano decisamente unti e stopposi (teniamo in conto che il burro di cacao è al primo posto. Io infatti avevo letto che si tratta di un prodotto abbastanza corposo).
Insomma, alla fine ce l'ho fatta. 
Da bagnati i capelli non mostravano alcun cambiamento eclatante e, purtroppo, la stessa cosa si è verificata dopo averli asciugati.
Sì, erano più luminosi e sì, i capelli bianchi erano lievemente più dorati (e capirete bene che su un capello scuro la cosa non è che faccia poi tanta differenza), ma per il resto non ho notato nessun cambiamento che avrebbe potuto spingermi a ripetere l'esperienza traumatica.

Vi ripropongo la foto che avevo condiviso su FB, purtroppo non delle migliori:


Ma i problemi non sono finiti qui!

I capelli sono rimasti maleodoranti, per non dire proprio puzzolenti, per diversi giorni. Anche dopo due lavaggi, si sentiva ancora l'aroma di fieno.
Normalmente passano dai 4 ai 5 giorni, anche 6, prima che io rilavi i capelli, in questo caso erano sporchissimi già al secondo e con la cute molto grassa.

Ora, la curiosità di provare l'hennè, quello vero, mi è rimasta, anche se non so se avrò mai il coraggio, considerando che i miei capelli sono ancora più lunghi, ma di certo non rifarò mai più questo di Lush.

 E voi lo avete provato? Come vi ci siete trovate?

Alla prossima,


27 commenti:

  1. Oddio che ridere XDXD povera Miki.. direi che come esperimento non è il massimo, l'importante è che l'odoraccio sia venuto via!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E oggi sono di nuovo qui, con il puzzo di stalla sulla testa. Per fortuna meno nauseabondo della prima volta. Vedremo.

      Elimina
  2. Mai provato henné Lush. Io comprato l'hennè jamila puro dal Pakistan. Mi spiace per la brutta esperienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E non provarlo mai!!! Anche io, oggi, sto provando l'hennè Khadi rosso. Speriamo bene.

      Elimina
  3. Oh mamma.... che agonia!!!! Già le due ore e mezzo che prevedevano nella spiegazione mi sembravano tantissimi, capisco tu dopo più di 3 ore!!! NOn ce la farei mai.
    Io faccio la tinta normale per coprire i capelli bianchi... lo so, non è bio, ma resto fedele alla mia tinta che per 4 settimane mi fa dimenticare di avere quel problema! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Daniela, anche io ho fatto tinte chimiche per tanti anni ma mi ero scocciata della ricrescita. I capelli bianchi non mi preoccupano particolarmente, anche se li ho. Ci sono e conviviamo in pace XD

      Elimina
  4. Buahahshah xD oddio,scusami ma mi sto scompisciando xD io dico solo....amo la mia parruchiera xD

    RispondiElimina
  5. io ho usato l'henne lush, quello rosso però, forse era rosso di sera (non ricordo bene come si chiamava, l'odore non era così pessimo, non so se sono io che sono meno sensibile o se cambiando l'henne cambia anche la composizione e il profumo.
    Lo sbriciolavo tritandolo con un coltello, un po' come faccio quando devo tritare a coltello il cioccolato (leggevo che tutte facevano molto fatica a sbriciolarlo, io invece non ho mai avuto problemi) alla fine i capelli erano sì più belli, e nutriti, però non arrivavo al colore che volevo io, quindi il gioco non valeva la candella, per un po' ho usato l'henne rosso della forsan, ma mi accentuava i riflessi rossi che io già ho, senza però arrivare dove volevo io, alla fine sono andata sulla tinta, chimica certo, ma della tonalità che volevo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Idem. Anche io ho quello rosso, ma il più rosso. Dopo essere stata rossa tinta ho deciso di lasciare i miei capelli naturali per un po' e farmi solo i riflessi con l'hennè. I capelli ne escono ottimamente e non puzzano, ma forse perchè uso balsamo/crema capelli lush che sostituiscono il profumo. Però anche a me niente colore. Magari dipende dal rosso, anche per farmi la tinta rossa all'inizio ha preso solo al secondo tentativo. Boh!

      Elimina
    2. La tinta chimica è la soluzione più facile, io però l'ho eliminata da più di un anno e ne vedo i benefici, soprattutto sul cuoio capelluto.

      Elimina
  6. mi sembra di aver capito che l'esperienza è stata traumatica sia per te che per i tuoi capelli che per la tua famiglia!!!! non ho mai provato l'henné e devo ammettere che ero un po' curiosa dato che purtroppo ho notato la comparsa dei primi capelli bianchi (in età prematura direi) ma ho optato per un trattamento nel miglior parrucchiere della città e per adesso non credo di voler sperimentare molto...!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e i parrucchieri non andiamo particolarmente d'accordo, per questo cerco rimedi fai-da-me, anche per ammortizzare costi che, onestamente, sono davvero eccessivi.

      Elimina
  7. L'henne lush è agonia pura!!! Troppo tempo, troppa puzza, troppo pesante. Mi piaceva il risultato ma 100 volte meglio le erbe di janas: meno pesanti, meno puzzolenti e si tengono in posa meno. Per quanto riguarda la puzza di fieno è normale, anche altri hennè danno lo stesso "problema". :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma almeno a te era piaciuto il risultato!!! XD
      Sono curiosa di provare le erbe di Janas. Questa volta (la seconda, l'ho appena fatto) ho sperimentato Khadi, la prossima vedrò. Dipende anche dal risultato di oggi.

      Elimina
  8. Io ho fatto l'hennè normale e il risultato fa davvero pena,mai più...

    RispondiElimina
  9. Ho usato l'hennè taaaanti anni fa, quando ero piccina e volevo colorarmi i capelli ma mia mamma non voleva ancora che usassi prodotti chimici, mi ricordo che il risultato non era male, ma puzzava tantissimo! >_<
    Plus...kawaii! - Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Diciamo che anche le tinte chimiche non è che profumino di gelsomino... Però questa Lush è davvero una fogna. Bleah.

      Elimina
  10. al liceo mi feci un banale hennè dell'erboristeria (tipo mille lire) e mi tinse di rosso i capelli... una tintura indelebile... non avevo molti capelli bianchi, ora invece sì! per cui non so se l'hennè faccia per me... Eventualmente proverei le erbette di janas, le conosci?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Le ho sentite nominare, ma non le ho mai provate. Sono molto curiosa però.

      Elimina
  11. Oddio :O l'odore di sterco ahahah a me la Lush non convince proprio per niente!
    Io tempo fa :mi facevo: di cassia, per rinforzare i capelli (cassia comprata da Janas, la ragazza che cita Robilia quassù), il prodotto era ottimo, ma l'odore di fieno c'era anche lì e non se ne andava nemmeno con il balsamo più profumoso e siliconico del mondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Mi facevo di cassia" mi ha fatta scompisciare XD XD XD

      Elimina
  12. Mamma mia, avevo una mezza idea di provare l'hennè, ma mi sa che adesso ci penserò su. Di sicuro non prenderò quello Lush!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io ci sto riprovando in questo momento, con quello di Khadi. Speriamo bene.

      Elimina
  13. Oddio mi sono morta dal ridere, ma non capisco come possa esserti andata così male. Io uso lo stesso prodotto. Sbriciolarlo è una passeggiata dopo averlo scaldato in forno su della carta forno. Lo si mescola con acqua tiepida fino ad ottenere un composto simile alle normali tinture. Nella stesura sporchi tutto il bagno, ma nulla di sconvolgente se fai un po' di attenzione. Gli effetti sono molto buoni in termini di lucentezza ma a me non colora per nulla. Ciò nonostante continuo a farlo perché mie amiche che lo usano da anni hanno ottenuto capelli formidabili! Sani e lucenti come non mai. per concludere io trovo l'odore molto piacevole!! XD bhe che dire, ognuno fa la sua esperienza. Bisogna provare. Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dopo aver provato vari marchi di hennè vero, posso dire senza ombra di dubbio che, per me, questo non ne vale la pena. Pessimo prodotto, sconveniente ed praticamente inutile.
      Sono contenta che c'è chi si trova meglio.

      Elimina