venerdì 8 maggio 2015

Miki In The Big Apple #4: 3 Gennaio. Bryant Park, NY Public Library, Grand Central Terminal, Hard Rock Cafè e Shopping.


Vi ho fatto aspettare forse troppo per questo appuntamento, è che necessito di un bel po' di tempo per scrivere questi post e non sempre mi è possibile. In più richiedono un certo coinvolgimento emotivo, perché se da una parte vanno a ricordare momenti splendidi, dall'altra mi ricordano anche che sono passati e che si stanno allontanando alla velocità della luce.

Se vi siete persi gli episodi precedenti, potete trovarli ai seguenti link:


Il 3 Gennaio probabilmente è stata la giornata in cui abbiamo realizzato davvero dove fossimo, in cui abbiamo vissuto la città senza alcun pensiero, ma solo con la voglia di goderci l'avventura. Prima di partire avevamo buttato giù l'itinerario per l'intera settimana, segnandoci solo alcuni punti fermi, alcune mete che non avremmo proprio potuto perderci, per il resto abbiamo lasciato fare al caso, addentrandoci per le strade di Manhattan. Tanto, in sette giorni, sarebbe stato impossibile vedere tutto, tanto vale rassegnarsi e godersi lo spettacolo.

Prima di iniziare con il resoconto, voglio parlarvi di Benny.
Benny alias Benito è il doorman dell'hotel, uno dei ricordi più piacevoli che io e Tony ci siamo portati a casa. Americano di origini italiane, ovviamente, Benito non spiccica una sola parola della nostra lingua, ma parla un perfetto e comprensibilissimo, per noi che siamo pugliesi, dialetto siciliano. Dovete immaginare la scena, io ed il mio fidanzato che parlavamo inglese e lui che rispondeva in siciliano stretto, insegnatogli dai nonni. Alla fine ci siamo adeguati e con lui parlavamo dialetto anche noi. Una roba esilarante!
Quando la seconda sera gli abbiamo raccontato del piccolo problema con la prenotazione tramite eBooking, io ho nominato il concierge che ci aveva fatto il check-in, una personcina dall'aspetto per nulla intimidatorio, molto simile a LUI, quello di destra. Ma con la faccia incazzata. Contraddirlo è stato l'atto più coraggioso che io abbia mai compiuto in vita mia! Tornando a Benny, lui ci guarda e fa: "Cu? SebaSHtian? Quiddhru niuru?"... stavo mo-ren-do dalle risate!!!

Detto ciò, torniamo a sabato, dimenticate il sole e la temperatura mite del giorno prima, in cui a Central Park sembrava primavera, ed immaginate un vento letteralmente gelido (in quel momento per me era gelido, ma non sapevo ancora cosa volesse dire la parola) ed un cielo uggioso. Insomma, non la giornata più bella del mondo. Abbiamo scartato subito l'idea di bissare da Junior's per la colazione e siamo entrati nello Starbucks più vicino, in cui abbiamo preso il caffè, io una fetta di Banana Bread semplicemente delizioso, e Tony un panino integrale con uova e pancetta.
Prima tappa, Bryant Park, nella sua veste deliziosamente natalizia ed invernale.
Tenete conto che, qualche giorno dopo, la fontana appariva così:

Fonte

Le immagini non rendono ma i colori di questo posto erano qualcosa di magnifico, il ghiaccio di un bianco accecante, gli accenti sgargianti dei cappellini dei bambini, il blu ed il rosso delle decorazioni dell'albero, che non era nulla in confronto a quello del Rockefeller Center ma aveva il suo because.



Era molto presto e non abbiamo avuto il tempo di tornarci, ma attorno alla pista c'erano tantissimi piccoli punti vendita di articoli di artigianato o leccornie decisamente invitanti, purtroppo chiusi.
Per chi non lo sapesse, questo parco, ex cimitero dei poveri, è situato esattamente alle spalle della biblioteca pubblica, altra tappa imperdibile. Nell'attesa della sua apertura, ci siamo concessi un breve giro di shopping da Urban Outfitters e Forever 21, in cui ho preso giusto quattro cose di numero.

Potete vedere in questa foto tutto ciò che ho acquistato, non credo farò un post dedicato allo shopping fatto, sia perché non è degno di nota, sia perché non è stata per nulla una priorità. Ovviamente arriveranno le recensioni dei prodotti, a tempo debito, ma non quelle dei Velvetine di Lime Crime, brand che ultimamente sta facendo troppo parlare di sé, in senso negativo, ed al quale non voglio dedicare spazio sul mio blog. Ciò non toglie che userò ciò che ho comprato e magari comparirà anche in qualche post Trucco del Giorno, ma non di più.



Tornando alla biblioteca pubblica, penso sia stata una delle cose più solenni che abbiamo mai visitato. La sua imponenza, la sacralità dell'atmosfera, il profumo di storia e cultura che permeava ogni angolo... Se chiudo gli occhi posso ancora sentire quel silenzio.








A pochi passi dalla biblioteca, quasi inglobata in ciò che la circonda e la sovrasta, c'è la Grand Central.




Piccola curiosità: la bandiera che vedete sulla sinistra è stata appesa pochi giorni dopo l'11 Settembre 2001, per ricordare le vittime dell'attentato al World Trade Center, in modo che chiunque arrivi in città e chiunque stia partendo, sollevando lo sguardo possa vedere la grande ferita che New York si porterà sempre nel cuore.
E' la stazione più grande del mondo e, ovviamente, la più famosa considerata la lunga filmografia in cui appare. Dite la verità, anche voi avete pensato "Where's Serena?" vero? ^^

Lasciandoci la Grand Central alle spalle, abbiamo continuato a camminare senza meta, beccando alcuni dettagli davvero deliziosi:




Poi, come prevedibile, ha cominciato a piovere e ciò ci ha spinti ad entrare in qualche negozio.
Siamo stati dal famosissimo Macy's, da Victoria Secret (devo ancora capire l'euforia attorno a questo brand, non per dire, ma io trovo reggiseni più carini da Tezenis. Bah), da Sephora, finché l'orario non ha risvegliato un certo languorino e ci ha fatti approdare all'Hard Rock Cafè.

Mentre aspettavamo che il nostro aggeggino lampeggiasse e vibrasse per avvisarci che era pronto il tavolo (oh, avevano detto quaranta minuti e dopo quaranta minuti ci hanno chiamati. Non ci potevo credere!), io e Tony ci siamo immersi in questo vero e proprio tempio della musica.
Chi segue il blog sa quanto sia importante per me, quanto faccia parte della mia vita, la grande passione ed il grande amore che nutro nei suoi confronti e lo stesso si può dire per il mio fidanzato.
Ritrovarsi davanti a cimeli dal valore inestimabile è stato emozionante.
L'unica cosa negativa è stata la grossa presenza di italiani, che si lamentavano per tutto. Per ogni singola cosa. E non lo facevano discretamente, ma urlando e smadonnando che nemmeno al mercato del pesce. Chi era contrariato per l'attesa, chi per la troppa gente, chi PER LA MUSICA TROPPO ALTA (ammetto che a quel punto stavo commettendo un reato!), chi per i prezzi e chi per il fatto che "tante storie per quattro chitarre".
Che tristezza...

In compenso, lì dentro è un mondo a parte.




Abbiamo mangiato benissimo, con alcune tra le nostre canzoni preferite in sottofondo. La sala è spettacolare ed il tempo passato lì piacevole e divertente.

 Il mio pranzo (la cosa più "piccola" presente sul menu)

Il pranzo di Tony

La ragazza che si è occupata del nostro tavolo, Z, è stata deliziosa. Ci ha chiesto i dettagli del viaggio, il motivo, e le abbiamo raccontato un po' come è nato, un po' della nostra storia, e lei era lì che ci guardava estasiata e sorridente, tanto che alla fine del pranzo, dopo averci portato il conto, ci ha offerto questa coppa di gelato.
 "For your engagement. I'm so happy for you two. You can eat it or not, do whatever you want guys".
Ovviamente lo abbiamo mangiato, c'era da chiederselo? Ed era delizioso.

Nonostante la pioggia, ai nostri occhi la città continuava ad essere incantevole ed abbiamo passeggiato, entrando di tanto in tanto in qualche negozio:


Per gli amanti di Forrest Gump...

Vi lascio con questo video di Toys"R"us, un posto fantastico per grandi e bambini.

ALTRI POST:



Alla prossima, con un salto nella meravigliosa Washington.


12 commenti:

  1. Sempre splendidi questi resoconti! Ogni volta mi sembra di essere lì con voi.
    Per quanto riguarda gli Italiani all'estero... caliamo un velo pietosissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prima o poi dobbiamo fare un viaggio insieme, peffozza!

      Elimina
  2. Certo che d'inverno New York è completamente diversa da quella che ho visto io a settembre!!
    Riguardo agli italiani, è capitato anche a me di vergognarmi di esserlo per colpa di alcuni imbecilli a cui dovrebbero togliere il passaporto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco perché io voglio tornarci in ogni stagione *__*
      Concordo sugli italiani imbecilli, io davvero avrei voluto nascondermi in alcuni momenti.

      Elimina
  3. Uno dei miei sogni, e forse te l'ho già anche scritto (nel caso chiedo venia) è proprio quello di visitare ny. Al momento e per tanto tempo credo che non ne avrò la possibilità ma quando capiterà voglio andarci anch'io in inverno, preferibilmente per Natale. Non saprei dire cosa mi è piaciuto di più tra le foto che ci hai mostrato. Forse l'hard rock cafè :) e che carina la vostra cameriera

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ed io ti consiglio di andarci nel periodo natalizio, si respira un'atmosfera magica davvero.
      La cameriera è stata davvero deliziosa, ma in generale tutte le persone che abbiamo incontrato sono state carinissime. Tranne da Tyffany, ma quella è un'altra storia.

      Elimina
  4. Che meraviglia incredibile. La mia bisnonna era americana di nascita e metà dei miei parenti sono tutti lì. Per me NY e Staten Island sono un po' come la casa che non ho mai visto né vissuto. Spero davvero di poter fare la bella esperienza che hai fatto tu Miki! E Benito lo capisco poverino, anche i miei parenti americani parlano tutti in dialetto ma neanche una parola di italiano :'D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sinceramente, se avessi parenti in america, me ne andrei tipo ORA. Ti auguro da fare un'esperienza come e anche più emozionante della mia.

      Elimina
  5. Rivedere, rileggere e ricordare NY, poi guardare fuori dalla finestra e rendermi conto di dove sono sta cominciando a diventare doloroso. Propongo di rimediare ASAP!!!

    RispondiElimina
  6. Facciamo cambio, prossima volta tu in autunno ed io in inverno *__* anche se ammetto che hai ragione: NY è per ogni stagione.

    Ho recuperato tutti i post che mi ero persa, splendidi e al tempo stesso deleteri per il mio umore che ora è perso nei ricordi e nella nostalgia. Poi mi trovi d'accordo, gli abitanti di NY sono dei personaggi autentici e speciali, gentili, generosi, cortesi, sempre pronti a sorridere e ad aiutare, a chiedere permesso e scusa, persone con tante storie.

    Riandiamoci ç___ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma io partirei tipo ORA! I neworkesi sono davvero eccezionali, il mio amore per Manhattan dipende forse per la maggior parte da loro. Avevo paura di trovare difficoltà e invece hanno reso tutto più facile. Un altro mondo davvero.
      Grazie mille per aver letto e commentato e condiviso la tua esperienza. Speriamo davvero di poterla ripetere.

      Elimina